Cercate un luogo dove trovare ispirazione e tranquillità? Pretoro è la destinazione che fa per voi.

Perdetevi tra i pascoli, i prati e i boschi che avvolgono in un abbraccio questo splendido borgo in provincia di Chieti, appollaiato su una collina alle pendici del versante orientale della Maiella. 
Posta tra il mare Adriatico, visibile in lontananza nei giorni limpidi, e la montagna, Pretoro ha sempre vissuto in rapporto simbiotico con il suo bosco, come dimostra la secolare tradizione dell’artigianato del legno, che ancora oggi consente di vedere lungo il fiume Foro i resti di antichi torni ad acqua.

Non solo materia prima ma vera fonte di ispirazione per gli artigiani locali che producono incredibili manufatti di pregio, tra cui “Lu Carrature”, celebre strumento abruzzese utilizzato per realizzare la pasta alla chitarra. Il cuore del territorio boschivo è la Riserva Naturale Valle del Foro con la sua vasta faggeta d’alto fusto dalla ricca vegetazione floristica di agrifogli, tigli, aceri e tassi. Una cornice perfetta per immergervi completamente nella natura. Se guardate Pretoro da lontano vi sembrerà di vedere un paese che è il proseguimento stesso della roccia per via del caratteristico abitato, con le case che appaiono quasi incollate tra di loro, separate solo dagli stretti e caratteristici vicoli.  

Una volta raggiunto, addentratevi nel cuore dell’abitato per respirare le atmosfere antiche di questo paese le sue origini risalgono al periodo italico (VI-V sec. a.C.), sorto dopo la distruzione del Castello di Pretoro, arroccato sull’estremità della roccia e denominato “Castrum Pretorii de Theti“. Qui, tra vicoli strettissimi e intrecciati tra loro come un ricamo prezioso, aggiratevi fino a ritrovarvi davanti il maestoso panorama che circonda il paese. 
Sicuramente graziose da vedere sono la Chiesa di Sant’Andrea Apostolo e la Chiesa di San Nicola, ma particolare è l’Eremo della Madonna della Mazza, nella Valle dell’Angelo, punto di pellegrinaggio storico, ideale come meta per la riflessione personale, immersi nella meravigliosa natura montana.

Avete mai sciato guardando il mare? Il comprensorio sciistico di Passolanciano-Majelletta è uno dei più spettacolari in Abruzzo per via del fantastico panorama che offre agli sportivi. 
Pretoro, come l’intera regione, non manca di tradizioni culinarie che ammalieranno il vostro palato. Senz’altro dovrete assaggiare la pasta alla pecorara, i “p’ttlolozz” (pasta fatta in casa e tagliata a mano a forma di rombi), l’agnello alla brace cotto a legna e i turcinelli di budella di maiale. Il dolce locale è la “torta del lupo”, una prelibatezza fatta con cacao e vino Montepulciano d’Abruzzo. Fa parte del Club dei borghi più belli d’Italia.